pronostici-formula-1-Betaland-TheClover-gp-portogallo
Pronostici Formula 1: Ferrari ridimensionata. Leclerc nelle top 6 in Portogallo
22 October 2020
Betaland-TheClover-scommesse-sportive-milan-vs-roma-monday-night
Monday Night, Milan vs Roma: ultime sport news sulla Serie A
23 October 2020

Carte e Poker: la storia del gioco World Series of Poker

carte-poker-betaland-the-clover-news

Carte e Poker, sognando Las Vegas. Un sogno che fanno tutti i giocatori di poker che provano il colpo della vita alle World Series: i Campionati del Mondo che si tengono ogni anno nella Sin City.

Per conoscere la storia, vi portiamo ora con noi in un magico viaggio, nel tempo, che inizia nel lontano 1970.

World Series of Poker:

un magico viaggio nella storia

Carte e poker: un magico viaggio nella World Series of Poker

1970 – A vincere fu Johnny Moss. Moss, “il grande vecchio del poker” ebbe la meglio sui 6 iscritti al torneo. Il player statunitense vinse anche l’edizione del 1971 superando in finale Puggy Pearson e portandosi a casa il secondo braccialetto e 30.000 dollari di premio.

1972 – E’ la volta del fenomenale Thomas “Amarillo Slim” Preston a vincere il braccialetto superando nell’ordine Puggy Pearson, che si rifarà l’anno successivo, ed un giovanissimo Doyle Brunson. Dopo l’edizione vinta da Pearson nel 1973 è nuovamente Johnny Moss a portarsi a casa l’ennesimo braccialetto avendo la meglio su 15 avversari per aggiudicarsi anche i 160.000 dollari del primo premio.

1975 – Questo fu l’anno di Sailor Roberts che riesce ad imporsi su un field di 21 giocatori, fra i più forti al mondo, per vincere sia il braccialetto che la prima moneta da 220.000 dollari. Il piatto si alza. Nei due anni successivi domina Doyle “Texas Dolly” Brunson, che si aggiudica i primi due braccialetti di una lunga serie che faranno diventare il player texano una vera e propria leggenda del poker texas hold’em mondiale.

Già si delinea una caratteristica innovativa nel mondo dei casinò: i nomi dei vincitori sono quasi sempre gli stessi, a confermare che nel poker l’abilità è decisiva più della fortuna.

1978 / 1979 – In ordine cronologico prima vince Robert Baldwin e poi Hal Gene Fowler.

1980 / 1981 – E’ l’anno dello statunitense Stu “The Kid” Ungar, a detta di molti il più forte giocatore di poker di tutti i tempi. Stu ha la meglio sui 73 iscritti e si porta a casa braccialetto e 365.000 dollari di premio.

1982 – E’ la volta del successo di Jack Straus.

World Series of Poker: Johnny Chan diventa un mito

1983 / 1988: Tom McEvoy trionfa, lo seguono in ordine Jack Keller, Bill Smith, Berry Johnston e Johnny Chan che vince per due anni di fila, nel 1987/88. Nel secondo successo “Orient Express” Chan si mette dietro ben 167 giocatori conquistando la prima moneta da 700.000 dollari. Anche lui (tra i protagonisti del film Rounders”) diventerà un mito.

1989 / 2000 : Arriva il primo acuto di Phil Hellmuth Jr, “The Poker Brat” che diventerà nel tempo il giocatore con più braccialetti vinti alle WSOP (considerando non solo il Main Event). Mansour Matloubi vince nel 1990, Brad Daugherty nel ’91, Hamid Dastmalchi nel ’92, Jim Bechtel nel ’93, Russ Hamilton nel ’94, Dan Harrington nel ’95, Huck Seed nel ’96, Stu Ungar nel ’97, Scotty Nguyen nel ’98, Noel Furlong nel ’99 e Chris Ferguson nel 2000.

2001 / 2003 : Lo spagnolo Carlos Mortensen si aggiudica l’edizione del 2001 superando la concorrenza dei 613 giocatori iscritti vincendo il primo premio da 1.500.000 dollari. L’anno dopo tocca a Robert Varkonyi mentre nel 2003 vince Chris Moneymaker che riesce ad arrivare al Main Event delle WSOP vincendo un satellite online da pochissimi dollari.

Tra carte e Poker Filippo Candio e Dario Sammartino sfiorano l’impresa

2004 / 2007 – Siamo arrivati all’anno di Greg Raymer seguito nel 2005 da Joe Hachem. Quella del 2006 è l’edizione dei record, un fortunatissimo Jamie Gold infatti vince i 12.000.000 di dollari del primo premio superando ben 8.773 iscritti. Nel 2007 vince Jerry Yang che si porta a casa braccialetto e 8.250.000 dollari di premio.

2008 / 2010 – In questi anni trionfano, nell’ordine: Peter Eastgate, Joe Cada e Jonathan Duhamel che si aggiudica un evento con 7.319 iscritti. Il 9/9/2010 è anche la data di un grande piazzamento italiano. Filippo Candio, unico europeo al Final Table, chiude al quarto posto, vincendo 3 milioni di dollari.

2011 – Il trofeo passa in Europa grazie al tedesco Pius Heinz, solo una vacanza visto che lo statunitense Greg Merson riporta a casa il trofeo nel 2012 e l’anno successivo Ryan Riess lo difende per gli USA. Martin Jacobson, Joe McKeehen, Qui Nguyen, Scott Blumstein e John Cynn negli anni successivi di prendo il loro pezzo di gloria.

2019 – l’Italia torna a sperare con i giocatori italiani tra cuiDario Sammartino, fenomeno napoletano che dopo aver superato oltre 8mila avversari si ritrova in finale con il tedesco Hossein Ensan. Dopo 301 mani di di heads up Sammartino è costretto ad arrendersi, centrano comunque il miglior piazzamento di un italiano in questo torneo, per un premio di 6 milioni di dollari.

Cosa succederà nel 2020? Intanto sono state indette le World Series of PokerOnline 2020Intanto in riprendiamo in mano le carte del Poker, non si sa mai.

RICORDA: Giocare è un attività ludica da praticare solo per DIVERTIMENTO, che viene sempre prima di tutto. Riconosci i tuoi limiti: GIOCA RESPONSABILMENTE!

Leggi anche: La Top 10 dei migliori giocatori italiani di poker

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notify of
guest
6 Comments
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] Sei un appassionato di Casino e tornei? Betaland The Clover ha quello che fa per te: Carte e Poker: la storia del gioco World Series of Poker […]

trackback

[…] Hold’em sia una delle versioni più avvincenti ma anche semplice da giocare. Se infatti il gioco del poker è sempre stato uno dei giochi più affascinanti, il vero boom è arrivato con questa divertente ma […]

trackback

[…] d’azzardo di tuti i tempi, e ha firmato una delle più celebri frasi nella storia che tutti i giocatori di poker […]

trackback

[…] Lester Ben Binion, detto Benny, è un imprenditore statunitense, famoso per aver fondato il casinò Binion’s Horseshoe e per aver creato le World Series of Poker. […]

trackback

[…] sul blog Betaland la storia del gioco World Series, i Campionati del Mondo che si tengono ogni anno nella Sin […]

trackback

[…] un imprenditore statunitense molto attivo nel settore del gaming che tra le tante cose ha ideato le World Series of Poker. Serviva però un modo per celebrare chi nel tempo ha contribuito a far evolvere e conoscere il […]